ma perché….?

Ad alcuni di voi potrebbe sembrare che non ci sia nessuna ragione apparentemente plausibile per cui qualcuno decida di avere un blog. Ebbene, signori, io ne ho una più che valida.
Lasciate che cominci dall’inizio, quando, qualche mese fa, il mio fantastico Ateneo iniziò ad offrire ai suoi più tecnologici studenti la possibilità di usufruire di una connessione Wi-Fi. Inutile dire che pochi giorni dopo ero già intenta a gironzolare per la rete durante qualunque lezione. Ed è incredibile quanto sinergico possa risultare un metodo di apprendimento di questo genere!
Però. C’è sempre un però. Sì, sono una brava bimba, sì, cerco quello che mi può servire per le lezioni, ma anche no. Mi capita anche di chiacchierare. Diciamo che chiacchiero spesso. E, meraviglia delle meraviglie, Messanger nn va d’accordo con la Wi-Fi. No, proprio nn gli piace. In realtà Messenger è troppo amico di Explorer e la Rete del Politecnico ha deciso di adottare Firefox. Quindi niente chiacchiere. Seeeee..
Ho cercato e ricercato e alla fine ho scoperto Gtalkr. è stato amore a prima vista. Un sito che ti permette di chiacchierare con una grafica fighissima e un sacco di contenuti personalizzabili (newsfeed, liste di cose da fare, meteo, messaggi di posta). Praticamente il paradiso. Mi ha coinvolto così tanto che alla fine(forse un mese fa), scoperto che era appena stata pubblicata la versione tedesca e danese, ho deciso di tradurlo in italiano. é diventata la mia home-page, ma in realtà era molto di più.
Ecco, signori, due giorni fa la notizia. Gtalkr è stato chiuso. Un’orribile scritta diceva all’incirca grazie e arrivederci. Ma cooooommmeeeee??????
E io?
Tutte le liste dei posti in cui andare, i messaggi personalizzati di quando nn potevo scrivere perché stavo seguendo matematica, o perché ale mi rubava il pc, o perché in teoria dovevo far finta di progettare qualcosa…tutto perso. Tutte le notizie di politica di Repubblica confrontate con quelle del Corriere, le notizie estere del gardian e quelle del times. nono. non potevo proprio farne a meno.
è allora che mi sono decisa.
(e ho cominciato a impazzire per riuscire a infilare le Feed qua dentro)
adesso sapete tutti.

(s)fiorisci, bel fiore..

Oggi 14 maggio festa della Mamma.
Tradotto: la cuccagna dei Fioristi.
Grazie a Dio quest’anno i fiori erano stata una scelta oculata (di bagnoschiumi ne ha da vendere, i vestiti che piacciono a lei non li compro per dignità e per i gioielli aspetto di avere qualche entrata monetaria..:S). Entro, lo so che spenderò una follia, l’ultima volta erano 40 euro. Però quando sceglie tre fiori qui tre fiori lì io ancora ci credo, che magari questa volta non dovrò pentirmi di aver speso il guadagno di una serata al Ristorante in fiori morti che saranno bellissimi per un paio di minuti, piacevoli per un pomeriggio, decadenti per una serata e da buttare la mattina dopo.
Sono lì, lo guardo che avvolge di nastro di paglia, mentre parla al telefono e chiacchiera con la prossima vittima e capisco che non ce la posso fare, ha l’aria troppo fiera, come se stesse pregustando la tua rovina.
Ha finito.
Mi porge il mazzo.
45 euro.
doh!

Non Fatevi Prendere Dal Panico

allora, forse è il caso di argomentare:
il nome di questo blog nasce dalla meravigliosa Guida Galattica Per Gli Autostoppisti, libro dalla cui lettura vengo, appunto. Il libro, oltre che spassosissimo, è prodigo di segreti: dietro di lui si nasconde un mondo. Altri quattro libri(scaricabili gratuitamente online), una Serie Radiofonica Originaria, Un Film (dell’anno scorso, tra l’altro). insomma, un mondo parallelo. e un ottimo ausilio alla sopravvivenza giornaliera. Sembra offrire una chiave di lettura originale e scanzonata di ogni cosa. ed è proprio quello che ci vuole.

YEEEEEEEEEEEEEE!


ragazzi è successo.
è NATO il mio blog.
dopo mesi e mesi (non è vero niente) di tentativi di persuasione da parte di tutti voi (veramente solo bru, ma così fa più scena)….eccomi! finalmente online, così avrò uno spazio in cui scrivere tutte le cose che dico individualmente a tutti voi giorno dopo giorno, succhiando così tutta la vostra linfa vitale…ebbene ci siete riusciti! vi siete liberati di me!
dicono che il blog sia la soluzione contemporanea alla maggior parte dei traumi psicologici, una sorta di analista eletronico (tanto gli analisti nn è che poi facciano granché).
insomma….YYYYeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!